Logo Citt Metropoliana Cagliari    logo ras      logo eu

itenfrdejarues

Progetto Pilota Cervo

OBIETTIVI SPECIFICI

Salvaguardia e conservazione delle popolazioni di cervo sardo e limitazione dell'impatto della specie sugli habitat naturali e seminaturali del sito.

STRATEGIE

I) Miglioramento della disponibilità di risorse trofiche per il cervo sardo.

II) Protezione degli habitat naturali e seminaturali oggetto di pascolamento.

INTERVENTI

  • IA1 - Valutazione della consistenza numerica ungulati
  • IA2 - Studio capacità portante del
  • IA3 - Sperimentazione di prodotti repellenti territorio per la difesa dai cervi di alcune colture agroforestali
  • IA4 - Raccolta germoplasma e semina per miglioramento pascoli
  • IA5 - Semina di essenze foraggiere su prato pascolo
  • IA6 - Pulizia del bosco a fini faunistici
  • IA7 - Captazione sorgenti e realizzazione di fontanili
  • IA8 - Installazione di pompa alimentata ad energia solare su pozzi preesistenti

SOGGETTO GESTORE DELL'INTERVENTO

Provincia di Cagliari

SOGGETTI CON CUI L'INTERVENTO DEVE ESSERE CONCORDATO IN FASE DI PROGETTAZIONE ESECUTIVA

WWF

Ente Foreste della Sardegna

CORRELAZIONE ED INTEGRAZIONE CON ALTRI INTERVENTI E/O INIZIATIVE

PD2, PD3, PD4, PD5, IA16, IA17, IA18, RE2, RE3, RE4, MR1, IN1, IN2

STIMA DEI COSTI

€ 322.958,64

FONTI DI FINANZIAMENTO ATTIVABILI E/O ATTIVATE

Gli interventi previsti all'interno del Progetto Pilota finalizzato alla Conservazione e Salvaguardia del Cervo Sardo all'interno del P.O.R. Misura 1.5 Rete Ecologica Regionale.

GRADO DI INNOVAZIONE

L'intervento nella sua globalità presenta un elevato grado di innovazione sia tecnologica (istallazione di pompe ad energia solare) che per ciò che riguarda le attività sperimentali (Valutazione della consistenza numerica ungulati, Studio capacità portante del territorio e in particolare: Sperimentazione di prodotti repellenti per la difesa dai cervi di alcuni habitat naturali e seminaturali e Raccolta germoplasma e semina per miglioramento pascoli) con l'elaborazione di protocolli sperimentali applicabili poi in altre realtà dell'isola.

INDICATORI PER IL MONITORAGGIO

IA1

  • Processi informativi di base
  • Status delle zoocenosi
  • Composizione di zoocenosi guida
  • Presenza di specie animali a elevato valore biogeografico
  • Presenza di specie animali rare e/o minacciate
  • Presenza di specie animali alloctone
  • Importanza faunistica del sito nel panorama italiano
  • Considerazioni relative alle dimensioni degli home range delle specie animali indicate dalla direttiva uccelli (allegato I) e dalla direttiva habitat (allegato II)
  • Posizione del sito rispetto al sistema delle aree protette
  • Caratteri ed applicabilità dei descrittori faunistici per classificare le tipologie dei SIC/ZPS italiani

IA2

  • Processi di rinnovazione naturale
  • Rapporto tra carico reale e carico potenziale
  • Stato di qualità e uso dei pascoli
  • Valore pastorale
  • Alterazioni dello stato vegetativo

IA3

  • Processi di rinnovazione naturale
  • Alterazioni dello stato vegetativo

IA4

  • Assetto floristico e vegetazionale (Grado di evoluzione relativa del cotico erboso, Ricchezza complessiva di specie vegetali tabulari, Carico della fauna selvatica)

IA5

  • Stato di qualità e uso dei pascoli
  • Valore pastorale
  • Presenza di specie animali a elevato valore biogeografico
  • Presenza di specie animali rare e/o minacciate

IA6

  • Status delle zoocenosi
  • Presenza di specie animali a elevato valore biogeografico
  • Presenza di specie animali rare e/o minacciate

IA7

  • Status delle zoocenosi
  • Presenza di specie animali a elevato valore biogeografico
  • Presenza di specie animali rare e/o minacciate

IA8

  • Status delle zoocenosi
  • Presenza di specie animali a elevato valore biogeografico
  • Presenza di specie animali rare e/o minacciate
  • Presenze turistiche per abitante e unità di superficie

VALUTAZIONE DELL'ATTUAZIONE DELL'INTERVENTO

  • Analisi della consistenza delle popolazioni di Cervus elaphus corsicanus.
  • Analisi della distribuzione delle popolazioni di Cervus elaphus corsicanus.
  • Analisi dei danni causati alle colture e alle formazioni boschive.
  • Analisi della produzione foraggera utilizzata dalla specie

Partner Istituzionali