Logo Citt Metropoliana Cagliari    logo ras      logo eu

itenfrdejarues

Comuni

Decimomannu

Il paese giace quasi al centro della fertile pianura anticamente denominata Dorida per la sua grande fertilità. Essa è delimitata a ponente dai monti di Capoterra e dalle colline di Siliqua, a nord dal corso del Rio Leni e a levante dall’antica Bia de Logu, strada medioevale che da Cagliari portava al Campidano arborense, ed è costituita prevalentemente da terreni alluvionali originati anticamente dalle inondazioni del rio Mannu.

Il luogo è reso ameno dalle colline coniche verdeggianti di vigneti, di uliveti, di agrumeti e di piante fruttifere di ogni specie, che attorno gli fanno corona. Il territorio, anche prima della bonifica del dopoguerra non era completamente incolto; anzi vi erano già, almeno in alcune zone di piccola proprietà, coltivazioni abbastanza intensive e continue. In altre e più vaste zone, però, si avevano terreni sofferenti per ristagni di acqua e per le frequenti esondazioni del Fluminimannu; tali zone erano perciò, almeno in parte, incolte ed in parte adibite a colture intensive con lunghi turni di riposo.

Le opere pubbliche del dopoguerra hanno permesso il riscatto e il miglioramento di una buona porzione del territorio, con inalveazione del Fluminimannu e di alcuni suoi affluenti ed canalizzazioni con sgrondo naturale. Attualmente si vanno sempre più intensificando le colture ortive da pieno campo; recentemente si è andata sviluppando la coltivazione dei carciofi che vengono esportati anche nel resto d’Italia. Queste colture richiedono un notevole investimento di manodopera, ma consentono produzioni elevatissime, il cui commercio è favorito anche dalla vicinanza del mercato Ortofrutticolo all’ingrosso di Cagliari. È importante ricordare inoltre, la presenza di numerose serre che producono fiori pregiati che vengono esportati anche all’estero. Raggiungono livelli d’eccellenza il florovivaismo e la vitivinicoltura con alcune aziende leader a livello regionale; completano il quadro delle aziende agricole alcuni agrumeti e pescheti oltre a qualche oliveto superstite.

Dal punto di vista dell’artigianato le attività tradizionali hanno lasciato il posto a quelle più legate a macchinari moderni. Fino ai primi anni cinquanta Decimomannu era noto per la sua produzione di stoviglieria “strexu” che veniva portato in grandi quantità a Cagliari con i carri e di ferramenta per portoni e infissi vari in ferro battuto, ma oggi di quelle attività sono rimasti solo i ricordi.

Vai al sito del Comune

Partner Istituzionali