logo cmdca 300dpi rgba h14mm col txt    logo ras      logo eu
itenfrdejarues

Misure di conservazione

In base alla direttiva 92/43/CEE, per ciascun Sito di Importanza Comunitaria (SIC) devono essere adottate, le necessarie misure di conservazione, che sono definite come “opportune misure regolamentari, amministrative o contrattuali”.

Misure regolamentari

Sono misure regolamentari gli interventi di tipo normativo o regolativo riguardanti lo stato di conservazione degli habitat e delle specie per i quali sono stati individuati i siti. Essi consistono in disposizioni generali e astratte riferite alle attività ammesse o vietate all’interno dei siti di importanza comunitaria.

Misure amministrative

Sono misure amministrative gli interventi provenienti da autorità amministrative e gli interventi a contenuto provvedimentale (cioè concreto e puntuale) riguardanti lo stato di conservazione degli habitat e delle specie per i quali sono stati individuati i siti.

Misure contrattuali

Sono misure contrattuali gli interventi previsti in accordi tra più soggetti, riguardanti lo stato di conservazione degli habitat e delle specie per i quali sono stati individuati i siti.

Tali accordi possono essere stipulati tra soggetti privati o tra autorità pubbliche e soggetti privati, al fine di conservare gli habitat o le specie in questione. Ad esempio, convenzioni e contratti tra enti pubblici e soggetti privati – spesso organizzazioni private no profit – per la gestione delle aree o per il loro uso.

E’ opportuno ricordare inoltre che l’art. 6 comma 3 della Direttiva della Direttiva Habitat enuncia che: “Qualsiasi piano o progetto non direttamente connesso e necessario alla gestione del sito ma che possa avere incidenze significative su tale sito, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti, forma oggetto di una opportuna valutazione dell'incidenza che ha sul sito, tenendo conto degli obiettivi di conservazione del medesimo.…”.

La valutazione di incidenza viene disciplinata dall’art. 6 del D.P.R. 12 marzo 2003 n. 120 che ha sostituito l’art. 5 del D.P.R. 8 settembre 1977, n.357 che trasferisce nella normativa italiana i paragrafi 3 e 4 della direttiva Habitat.

Partner Istituzionali